PROSSIMAMENTE…

Presentazione

Un nuovo particolare caso per la squadra Draghi-Ardenghi. Ogni storia della serie è collegata alla precedente come un pezzo del domino, ma ognuna ha vita a sé. L’autrice rifiuta i cliché e affronta ogni nuovo racconto con la voglia di far conoscere qualcosa di diverso. Questa volta due mondi simili, ma sostanzialmente differenti si scontrano in un gioco di illusioni che nasconde la verità. Un poliziesco soft che affronta un tema di grande attualità.

Motivazioni dell’autrice:

Il mio intento nello scrivere questo romanzo era quello di distinguere i due mondi paralleli legati all’Islam. Volevo portare a conoscenza il mondo musulmano composto da brava gente che professa una fede diversa dalla nostra, ha usi e costumi differenti e desidera unicamente vivere in pace e quello di coloro che usano la fede come strumento di guerra e di terrore. Quest’ultimo non condivide la stessa fede, ma un fanatismo estremista che interpreta a suo piacimento i versi del Corano.
A questo proposito riporto due versi del medesimo:

(25ª63-76) Ecco come sono i servi del Misericordioso: camminano sulla terra con umiltà; quando gli ignari si rivolgono loro, dicono loro: «Pace» […]. Quando dispensano, non sono né prodighi né avari, poiché il giusto sta nel mezzo; e non invocano altra divinità accanto a Dio; e non uccidono anima alcuna se non secondo diritto, perché Dio l’ha proibito; e non compiono atti osceni; chiunque lo fa incorre nel peccato, avrà un castigo doppio il giorno della resurrezione, e rimarrà oppresso dall’ignominia, a meno che non si penta, creda e compia opera buona; perché a quelli Dio muterà il male in bene – perché Dio è perdonatore, compassionevole. E non testimoniano falsamente, e passano nobilmente attraverso la vanità; e quando i versetti di Dio sono recitati non rimangono sordi e ciechi. E dicono: Signore, da’ a noi, alle nostre mogli, ai nostri discendenti, la serenità; e fa di noi un esempio ai fedeli»
Chiunque uccida un uomo, sarà come se avesse ucciso l’umanità intera . E chi ne abbia salvato uno, sarà come se avesse salvato tutta l’umanità. Il Nobile Corano, 5:32

Passando ad un secondo punto, quale deve essere l’attitudine del musulmano nei confronti delle altre religioni? Dice il Corano:(2º 62) Sì, i musulmani, gli ebrei, i Cristiani e i Sabei, chiunque ha creduto in Dio e nel Giorno ultimo e compiuto opera buona, per costoro la loro ricompensa presso il Signore. Su di essi nessun timore, e non verranno afflitti.
Esistono poi passi che i fanatici hanno fatto propri:
La ricompensa di coloro che fanno la guerra ad Allah e al Suo Messaggero e che seminano la corruzione sulla terra è che siano uccisi o crocifissi, che siano loro tagliate la mano e la gamba da lati opposti o che siano esiliati sulla terra: ecco l’ignominia che li toccherà in questa vita; nell’altra vita avranno castigo immenso. (Il Nobile Corano, traduzione di Hamza Piccardo, UCOII)
sura 2 (190-193) «Combattete per la causa di Allah coloro che vi combattono, uccideteli ovunque li incontriate, scacciateli. Combatteteli finchè il culto sia reso solo ad Allah».

La lettura del Corano è complessa e si presta a diverse interpretazioni e comunque nulla giustifica gli atti di efferato terrorismo che stanno minando la pace in Occidente.
Io credo che non sia corretto generalizzare e che il nostro mondo debba compiere uno sforzo maggiore per combattere il vero nemico, che non è l’Islam, ma la Jihād, andando oltre le convenienze e le questioni politiche.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...